sabato 30 agosto 2014

Trucco verde acqua per ricordare il mare anche al…Rientro!



Al rientro delle vacanze, ora che la pelle è abbronzata, per valorizzare il nostro sguardo, curiamo molto il make-up degli occhi. Innanzitutto doniamo intensità allo sguardo grazie alla matita nera e trucchiamoci sempre usando l’eye liner, il mascara e gli ombretti in polvere nelle tinte che vanno di moda in questo momento.
Ma nella pratica, come truccare gli occhi per avere il tanto ambito effetto seducente?
Allora, per prima cosa prendiamo una matita nera nella versione waterproof. Passiamola sulla rima delle palpebre inferiori, all’interno dell’occhio e il nostro sguardo sarà immediatamente più profondo.
Ma non finisce qui. Infatti è il momento dell’eye liner, arma letale di fascino e magnetismo.
L’eye  liner contribuisce anche a dare agli occhi una forma orientale e profonda. Si usa con l’apposito pennello, oppure con l’applicatore con il feltrino.
Il tocco finale lo darà il mascara, che renderà le vostre ciglia scurissime, per un effetto tal black assicurato.
Ma, visto che è ancora estate, osiamo sempre con il colore. E, per far riecheggiare nella nostra memoria il mare, il colore più azzeccato per le nostre palpebre è il verde acqua. Ideale sulla pelle abbronzata, il verde acqua illuminerà il nostro viso e, guardandoci allo specchio, le profondità del blu, non saranno solo un ricordo. Naturalmente le labbra devono essere glossy e gli zigomi, di un bel color pesca acceso.

venerdì 22 agosto 2014

Piscina, attenzione al cloro irrita e secca la pelle proteggere viso e labbra



Il cloro delle piscine nemico della bellezza. «A rischio il viso, gli occhi e i capelli. Attenzione poi ai bambini e a chi soffre di dermatiti» spiega Maria Grazia Caputo medico estetico a Roma.
«I disinfettanti diluiti nell'acqua contenuta nella vasca - aggiunge l'esperta - possono essere irritanti e generare fastidi. In persone che presentano determinate caratteristiche della pelle, come cute secca o particolarmente sensibile, si possono manifestare follicoliti e dermatiti anche gravi. Le zone da proteggere con particolare attenzione sono viso, soprattutto labbra e occhi, e capelli, che a causa dell'azione del cloro possono indebolirsi e perdere colore».
I più piccoli sono maggiormente esposti all'aggressione di questi agenti sia perché hanno una cute particolarmente sensibile, sia perché trascorrono molto tempo in acqua con bagni ripetuti. Il nuoto, infatti, rappresenta l'attività preferita dai bambini dai 3 ai 10 anni.
«Il cloro contenuto nella vasca contenuto nella vasca può provocare un'irritazione agli occhi con relativo bruciore e arrossamento. Inoltre - aggiunge Caputo - in caso di inalazioni di cloro, ripetute e per lunghi periodi in soggetti particolarmente sensibili si possono produrre effetti irritanti sull'apparato respiratorio».

sabato 9 agosto 2014

Vademecum per una depilazione DOC!



In estate si indossano abiti corti e leggeri ed è importante avere sempre la pelle liscia e vellutata. Ma per mantenerla morbida, consigliamo di depilarsi seguendo alcune semplici regole.
1. Per prima cosa, massaggiamo sempre la pelle con un po’ di olio di lino, per circa dieci minuti al giorno e, se proprio non avete tempo, almeno cercate di farlo la sera prima di depilarvi. Olio di lino infatti, è ricco di proprietà idratanti. In particolare, è in grado di rendere la pelle più forte prima della depilazione e quindi, anche di prevenire eventuali irritazioni.
2. Prima della depilazione, passiamo sulla pelle un getto d’acqua calda per circa due minuti e massaggiamo le parti da depilare con un guanto di fibra di cellulosa. L’acqua calda dilata i pori della pelle e questo agevola la depilazione, rende lo strappo meno doloroso e riduce il rischio di traumi e di peli sottopelle. Il guanto di cellulosa invece, serve ad esfoliare la pelle in modo delicato.
3. Sia che si ricorra al rasoio, sia alla ceretta o l’epilatore elettrico, dopo la depilazione, usiamo una pinzetta ben disinfettata per eliminare i peli ancora visibili sottopelle.
4. Alla fine, stendiamo sulla pelle un gel o una crema idratante a base di fospidin. Si tratta di un composto contenente fosfolipidi, sostanze che derivano dalla soia e mantengono morbida la pelle. Ricordiamoci poi, di depilarci a scadenze ben precise, per non avere una doppia ricrescita.

Ecco come scegliere il profumo perfetto!



Ora che è piena estate, per avere la pelle sempre profumata, è meglio evitare i profumi con alcol durante le ore in cui ci esponiamo al sole.
Le sostanze fotosensibili come l’alcol infatti, potrebbero reagire ai raggi del sole e macchiare pelle e vestiti.
E’ per questo che è meglio scegliere un’acqua profumata, che contiene solo una goccia di essenza e per il resto è fatta di acqua distillata; oppure un olio profumato, ma sempre in base anche al nostro carattere.
La fragranza dovrebbe rispecchiare la nostra personalità, una volta scelta, indossiamo sempre quella, in modo da renderla un nostro segno distintivo.
PER I TIMIDI: In generale, a chi è introverso, riservato e ama il mistero, si adatta una profumazione altrettanto misteriosa come quella alla vaniglia, il patchouli, oppure una essenza orientale, dalla tenuta lunga, come la mirra, l’ambra, oppure l’oud, ricavata dalla resina di una pianta asiatica.
PER GLI ESTROVERSI: Invece per le persone schiette, aperte e solari, meglio andare verso profumi cipriati, come l’iris, il bergamotto e il muschio, oppure profumi di fiori, come la rosa, la viola, il geranio, il narciso e le essenze degli agrumi, che sono fresche, ma che hanno una breve tenuta e quindi dobbiamo spruzzarle più volte nell’arco della giornata.
Una volta scelta la fragranza più adatta a noi, spruzziamola in piccole quantità, in particolare sui polsi, dietro le orecchie, nell’incavo delle gambe e dietro le ginocchia, cioè sulle zone più calde del nostro corpo, in modo da esaltare tutte le sfumature di profumo.
Lasciamo anche cadere qualche goccia di questa fragranza sull’orlo dei nostri vestiti, per lasciare dietro di noi, una sensuale scia che… di sicuro non passerà indifferente.

Semifreddo allo yogurt e frutta



Ingredienti

130 g di zucchero vanigliato
5 uova
2 dl di panna fresca
300 g di yogurt bianco denso
1 limone succoso non trattato
1 pesca noce
1 grappolino di uva bianca
2 prugne nere
125 g di mirtilli

1) Prepara la base. Monta in una ciotola 2 uova intere, 3 tuorli (tieni gli albumi da parte in un'altra ciotola) e 100 g di zucchero, con la frusta elettrica. Grattugia la scorza di limone e tienila da parte. Spremi il limone, filtra il succo e uniscilo al composto di tuorli, mescolando. 
2) Fai la crema. Incorpora al composto di uova la scorza del limone grattugiata e lo yogurt e  mescola. Monta la panna ben fredda in una ciotola con la frusta e uniscila al composto, poca alla volta, mescolando. 
3) Unisci gli albumi. Monta gli albumi, tenuti da parte, a neve ben ferma con la frusta e amalgamali al composto, mescolando.
4) Riempi lo stampo. Fodera lo stampo con la pellicola e riempilo con il composto, versandolo, poco alla volta, con il mestolo. Batti lo stampo sul piano di lavoro, per eliminare spazi vuoti. 
5) Metti nel freezer. Metti la preparazione nel freezer per almeno 4 ore. Sforma il dolce, immergendo il fondo dello stampo in acqua calda per pochi secondi, ed elimina la pellicola. 
6) Completa il dolce. Porta a bollore 2-3 cucchiai di acqua con i mirtilli e lo zucchero rimasto, cuoci per 2 minuti a fuoco basso. Frulla il composto, versalo sul dolce. Completa con la frutta, lavata e asciugata, tagliata a fettine.

Semifreddo alle ciliegie



Ingredienti

Un kg di ciliegie
zucchero semolato
tre quarti di panna
un albume
il succo di un'arancia
Maraschino
zucchero al velo
glucosio
un disco di pan di Spagna di 22 cm di diametro

1) Sbocciolate  le ciliege tenendole su una terrina per raccoglierne il succo. Frullatele unendo qualche cucchiaio di  Maraschino.  Aggiungete 250 g di zucchero al velo e il succo dell'arancia e mescolate bene. Mettete 50 g di zucchero in una casseruola con 2 cucchiai di acqua e un cucchiaino di glucosio e scaldatelo fino a quando, immergendo uno stecco e sollevandolo, sulla punta si formera una piccola palla. Toglietelo allora dal fuoco e unitelo all'albume montato a  neve. 
2) Continuate a lavorarlo fino a che l'impasto sara soffice e lucente. Poi aggiungetelo al passato di ciliegie, amalgamando con delicatezza. In un altro recipiente montate densamente la panna con 2 cucchiai di zucchero al velo, poi unitela alla crema. Foderate fondo e pareti di uno stampo con carta oleata. Togliete tutta la crosta al pan di Spagna, e spruzzatelo da una parte con il Maraschino. 
3) Mettete sul fondo dello stampo meta della crema, posatevi sopra il pan di Spagna dalla parte bagnata e spruzzatelo anche nella parte superiore; coprite con la crema rimasta e passate in freezer per 4-5 ore. Sformate e decorate il semifreddo a piacere.

Terrina alle melanzane



Ingredienti

100 g di mortadella affettata fine
4 albumi
una melanzana
150 g di scamorza affumicata
20 g di pistacchi
burro
timo 
prezzemolo
basilico
un cucchiaio di pecorino grattugiato
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
sale

 1) Tagliate la melanzana a cubetti, mettetela su una placca foderata con carta da forno, condite con l'olio, le erbe tritate, salate e cuocete per 10 minuti sotto il grill del forno. Affettate la scamorza, tritatela fine e mescolatela con gli albumi e il pecorino.
2) Ungete di burro  uno stampo di 18 cm di diametro e foderatelo con le fette di mortadella (tenetene da parte una) lasciandole sbordare; alternatevi, a strati, le melanzane, il composto di formaggio (che dovra coprire bene le melanzane) e i pistacchi; terminate con l'ultima fetta di mortadella e ripiegate verso l'interno quelle che sbordano.
3) Sigillate la terrina con un foglio di alluminio, mettetela nel forno caldo a 180 e cuocete per 20 minuti. Quindi togliete dal forno, lasciate riposare per una decina di minuti, sformate e servite.

Bocconcini di coniglio alle mandorle e violette



Ingredienti

700 g di lombatine di coniglio disossate
50 g di mandorle spellate
2 uova
30 g di pangrattato
qualche rametto di mirto
olio
2 limoni
500 g di carote
2 cucchiai di  zucchero
8 violette candite
40 g di burro
1 cucchiaio di aceto di mele
sale, pepe. 

Versa il succo di limone in una terrina, unisci le lombatine di coniglio tagliate a meta e fissate con uno stecchino, il mirto, sale  e pepe, mescola e fai marinare in frigorifero mezza giornata. Scola la carne e cuocila al vapore col mirto per 10 minuti. Trita le mandorle e mescolale al pangrattato. 
Batti le uova in una fondina con sale  e pepe, immergi la carne, scolala e passala nel pangrattato. Fodera una placca con carta da forno unta d'olio e appoggia il coniglio impanato, condiscilo con olio e cuoci in forno a 220? per 15 minuti. Gira i pezzi e cuoci per 10 minuti. Taglia le carote a bastoncino e lessale in acqua bollente salata per 10 minuti. Rosolale nel burro con sale e pepe e lo zucchero, lascialo sciogliere, unisci l'aceto e, girando, fai caramellare il sughetto poi spegni il fuoco. Servi il coniglio con le carote e le violette.

Filetto di maiale saltato con le melanzane



Ingredienti

gr. 300 di filetto di maiale
gr. 450 di melanzana
un pomodoro maturo
un cipollotto
2-3 spicchi d'aglio fresco
un cucchiaio d'aceto
un cucchiaio di sherry
mezzo cucchiaino di maizena
un rametto di origano secco
alcune foglioline di origano fresco
olio extravergine d'oliva
sale
pepe

In una ciotola mescolate 2 cucchiai d'olio, lo sherry e la maizena, salate, pepate e lasciatevi marinare la carne tagliata a cubetti per 10 minuti. Scaldate un dito d'olio nel wok e friggetevi le melanzane tagliate a dadini. Trasferitele in un colino a maglia fine per far scolare il piu possibile l'olio. Riportate il wok sul fuoco lasciando solo un velo di olio sulle pareti e fatevi rosolare la carne da tutti i lati, ben scolata dalla marinata.
Unite il pomodoro spellato, privato dei semi e tagliato a pezzetti e fatelo cuocere per 2-3 minuti, quindi unite il cipollotto affettato sottile e l'aglio tritato, spruzzate con l'aceto e portate a cottura a fuoco vivace (3-4 minuti).
Due minuti prima di spegnere unite le melanzane, mescolate bene e spolverate con l'origano secco. Servite caldo cosparso di foglioline di origano fresco.

giovedì 7 agosto 2014

Mascara waterproof, per sguardi a prova di tuffi



Party, feste e serate a tirar tardi sono una prerogativa dell’estate. E anche il make-up deve essere all’altezza di ogni situazione. È stagione di incontri e pr e lo sguardo di una donna passa al primo posto su tutto. Per questo il mascara diventa protagonista: volumizzante e incurvante per uno sguardo sempre più glam.
Per la prima volta Dior Addict firma il trucco per gli occhi con un mascara volumizzante, in grado di trasformare lo sguardo con un solo gesto. Volume, lunghezza e giochi di stile sono stati creati per uno sguardo da cerbiatto, decisamente fashion. Dalla tenuta infallibile, è comunque facile da applicare e rimuovere. La punta dotata di piccole setole, per catturare anche le ciglia più piccole della palpebra inferiore, o agli angoli esterni dell'occhio per uno sguardo da Bambi. D’estate è anche fondamentale che il trucco regga il più possibile, nonostante gli agenti atmosferici: il sole e il caldo. Per cui sono sempre di più le aziende che producono i waterproof ovvero, quei prodotti resistenti all’acqua.
Si può provare il Better Than Waterproof di Catrice, un mascara che allunga e volumizza le ciglia e si rimuove semplicemente con acqua calda. DiorShow propone la versione waterproof per avere ciglia ultra black a prova di schizzo. Mentre Waterproof Top Coat di Kiko, è un gel che riveste le vostre ciglia rendendole a prova d’acqua. Per l’effetto ciglia lunghissime e incurvate da cerbiatto, il mascara per l’estate consigliabile è il Sumptuous Waterproof di Estee Lauder. Per prendere le ciglia una ad una e dare così massima definizione invece è perfetto Flawless Definition di Bare Minerals. Se non si vuole rinunciare al mascara nemmeno al mare, per ciglia lunghissime a prova di bagni c’è L’Extreme Waterproof di Lancome e per uno sguardo ancora più glam c’è l’Hypnôse Star.

sabato 2 agosto 2014

Un’estate rigorosamente fluorescente



Siamo quasi alla fine di luglio e finalmente il tempo ora è dalla nostra parte. L’estate è arrivata in tutta Italia, quindi non abbiamo più scuse, apriamo l’armadio e tiriamo fuori tutto ciò che di colorato possediamo: ciabattine verdi, gonna fucsia e nera, che non mettiamo da anni, foulard azzurro maculato, che non abbiamo mai saputo abbinare. Quest’anno è tornato prepotentemente alla ribalta il fluorescente, ovvero tutti quei colori accesi molto Pop anni Ottanta, resi celebri da Andy Warhol.
Colori facili da abbinare, divertenti, portabilissimi da tutte e che esaltano l’abbronzatura. Tutto ciò che è colore quindi è ammesso: dallo smalto, al jeans, al mascara, al sandalo, tutto deve essere rigorosamente fluorescente. Qualche idea di trucco fluo? Beh, ce n’è davvero per tutti i gusti, iniziamo dall’eyeliner glitterato di tutti i colori possibili e immaginabili: si stende come un normale eyeliner, ma l’effetto è davvero sorprendente. Possiamo anche abbinare un mascara colorato giallo, viola, oppure arancio.
 Se poi volete davvero sorprendere tutti vi consiglio un bel rossetto fluorescente fucsia, che renderà le vostre labbra polpose e invitanti. Sulle guance invece applicate un fard in crema arancio da stendere con le dita, assicurerà al vostro viso un colorito sano e naturale, come dopo qualche ora di spiaggia, consigliato anche su pelli molto chiare. E per finire un ultimo tocco di colore fluo, il must dell’estate anche su mani e piedi, lo smalto giallo, non ve ne pentirete, ma soprattutto vi sembrerà di essere uscite da un video dei primi anni Ottanta, la vera tendenza dell’estate.

Come avere degli occhi piu’ grandi?



Un bel paio di occhi grandi sono da sempre considerati un ideale assoluto di bellezza.
Che siano verdi, azzurri, marroni poco importa….sono bellissimi.
Non tutti, pero’, abbiamo avuto la fortuna di avere da madre natura questa benedizione ma niente paura, possiamo provare qualche trucco con il make up!
Già perchè se avere uno sguardo profondo è il sogno di ogni donna, notti insonni e una faticosa giornata di lavoro spesso segnano propio il contorno occhi.
La pelle in questa zona e’ particolarmente sensibile e delicata, ha bisogno di molta idratazione e attenzione.
Il primo consiglio rimane quello di tenere ben idratata la pelle, riducendo così sia le rughe che la secchezza.
Tocca poi al correttore, per nascondere arrossamenti ed occhiaie.
Meglio usarlo di 1-2 toni piu’ chiaro rispetto all’incarnato della pelle o del fondotinta che intendiamo utilizzare.
Tocca poi all’ombretto, meglio se con effetto metallico e lucido, per regalare luminosità e profondità.
Ma attenzione, non scegliete tonalità scure, meglio i toni nude con riflessi oro o bronzo, che poi sono anche quelli piu’ in voga e glamour.
Il consiglio? Spalmate l’ombretto su tutta la palpebra verso il soppracciglio. Lasciate solo un piccolo angolo con un accento piu’ luminoso e chiaro per un bellissimo gioco di luci.
Non solo, l’ombra bianca vi regalerà in un secondo una sferzata di freschezza ed un’apertura dello sguardo meravigliosa.
E poi il tocco da maestri, ovvero una riga decisa, intensa e tanto mascara sulle ciglia.

venerdì 1 agosto 2014

Una dieta ricca di soia protegge il cuore delle donne



Una dieta ricca di soia aiuta a proteggere il cuore delle donne soprattutto nella fase dell'invecchiamento, ma il consumo di questo alimento va iniziato per tempo.
A suggerirlo è una ricerca della Wake Forest School of Medicine, negli Usa, pubblicata sulla rivista Menopause.  In particolare, spiegano i ricercatori, un consumo di soia molto prima della menopausa, pr quasi tutta la vita come nel caso delle donne asiatiche, può aiutare a prevenire in maniera del tutto naturale l'aterosclerosi, caratterizzata da un'infiammazione cronica delle artrie di grande e medio calibro.  Per arrivare a questa conclusione sono state analizzate delle scimmie di laboratorio, che hanno subito un intervento di rimozione delle ovaie per simulare la menopausa. Un gruppo ha iniziato prima dell'intervento una dieta a base di soia, che poi è stata fatta proseguire anche dopo la menopausa, un altro gruppo, che aveva seguito prima una dieta a base di proteine animali, ha continuato a farlo, mentre un terzo ha cambiato alimentazione, iniziando una dieta a base di soia.  Dopo 34 mesi di osservazione i livelli di colesterolo erano ottimali nelle scimmie che avevano seguito una dieta ricca di soia prima e dopo la menopausa. Risultavano migliorati anche i valori di chi tra gli animali era stato sottoposto a un cambio di alimentazione, salvo quelli in cui il processo di ispessimento delle arterie era già in atto.  «I risultati di questa ricerca suggeriscono he stili di vita salutari vanno messi in atto prima di ottenere beenfici negli anni seguenti» spiega Margery Grass, direttore esecutivo dell'American Society of Menopause.